Qui in Polis tra poco ci saranno gli esami.

E qui in Pluri ci stiamo impegnando tantissimo!.😀

 

Ottavio Mario Mai. lui è il vero re della passione, dell' amore, della speranza, e il redella coscienza. lui è la persona da seguire. lui ci ha guidato per la pace

fiducia, amore, amicizia, sogni, speranza, immaginazione, la vita è questa.sconvolgi la tua paura, la tristezza,sognia come il cielo,immagina come fanno le foglie al vento,credi come fa' il tuo cuore, fai un sorriso damicizia come fanno le libellule fra loro. ama quello che hai , quello che credi, quello che sogni, e quello che speri.

 

scritta da Wilma Mai Ronci

 

dedicata ha Ottavio Mario Mai

https://lyricstranslate.com/it/mama-mamma.html-0 traduzione in Italiano Mamma Mamma, andiamo tutti all'inferno Mamma, andiamo tutti all'inferno Ti sto scrivendo questa lettera Sperando tu stia bene Mamma, andiamo tutti all'inferno Oh, beh, ora Mamma, moriremo tutti mamma, moriremo tutti Smettila di farmi domande Odierei vederti piangere Mamma, moriremo tutti E quando ce ne andiamo, non dare la colpa a noi, sì Lasceremo che questo fuoco ci avvolga, sì Ci hai resi, oh così famosi Non ti lasceremo mai andare E quando te ne vai, non tornare da me, amore mio Mamma, siamo tutti pieni di bugie Mamma, siamo nati per le mosche E proprio ora stanno costruendo una bara della tua misura Mamma, siamo tutti pieni di bugie Beh, madre, cos'ha fatto la guerra alle mie gambe e alla mia lingua? Tu avresti dovuto crescere una bambina Io avrei dovuto essere un figlio migliore Se riesci a tenere a bada l'infezione possono finalmente amputare Tu avresti dovuto essere, io avrei dovuto essere un figlio migliore E quando ce ne andiamo, non dare la colpa a noi, sì Lasceremo che questo fuoco ci avvolga, sì Ci hai resi, oh così famosi Non ti lasceremo mai andare Lei ha detto: tu non sei figlio mio Per ciò che hai fatto, troveranno Un posto per te e la tua mente Il tuo comportamento quando te ne vai E quando te ne vai non tornare da me, amore mio Giusto! Mamma, andiamo tutti all'inferno Mamma, andiamo tutti all'inferno E' davvero abbastanza piacevole Tranne che per l'odore Mamma, andiamo tutti all'inferno 2-3-4 Mamma, mamma, mamma, oh! Mamma, mamma, mamma, mamma! E se tu mi chiamassi il tuo tesorino Io potrei forse cantarti una canzone Ma ho fatto delle stronzate con questa pistola del cazzo Potresti piangere fino a farti uscire gli occhi dalle orbite Siamo condannati dopotutto Cadiamo attraverso la fortuna e le fiamme E se puoi rimanere allora ti mostro la strada Per tornare dalle ceneri che hai invocato Tiriamo tutti avanti Quando i nostri fratelli partono armati Quindi alza in alto il bicchiere, perché domani moriamo E torna dalle ceneri che hai invocato

 

 

per mia mamma per tutto  quello che fa, e quello che mi da

 

da Wilma

 

IMAGINE

Abbiamo una novità

 Abbiamo una novità la nostra gattina virgola è incinta❤🤪

Tra pochi giorni noi bambini della  POLIS e le nostre  maestre faremmo  vedere   quello  che  abbiamo imparato durante all'scolastico al  open day  della piccola  polis

ARRIVA LA PRIMAVERA

QUANDO  ARRIVA L' AUTUNNO CADONO LE  FOGLIE DAGLI ALBERI COSI IN ESTATE POSSANO CRESCERE MEGLIO, Più FORTI .                                                                                  FATTO DA WILMA MAI RONCI ❤❤

Questi sono i nostri  cubi. Dove  mettiamo i  quaderni e gli  astucci. Qui  stiamo a inizio anno. Non  avevamo ancora messo niente  nei  cubi. Scritto   da   Wilma Mai  Ronci

tu mi proteggi

Quando sento la tua musica mi sento come se una barriera intorno a me. E se sto per cadere nel buio  la   tua musica mi riporta su nella luce. Sento che tu ci sei sempre accanto a  me per  proteggermi.  La musica vive in tutti noi a qualcuno non piace ma qui in Polis ci piace la musica.❤😘                                                                                     Fatto  da Wilma Mai Ronci

POESIA

La vita è un dono sacro                 

ed è anche oro, il suo brio e sacro,

la sua potenza mi schiaccia ma trovo la tranquillità

dentro di me e lo scofiggo con

DISCIPLINA🙂 FATTO DA ALESSANDRO E IAN

MORTE (NEBBIA)

Nebbia dell' oltre tomba, tu che mi avvolgi nella morte.        

Morte sei sacra anche se sei cattiva ma se trovi la tenerezza dentro di se lei è buona😀        FATTA DA ALESSANDRO❤

CIELO

Cielo mi ispira tranquillittà, con il SOLE che scalda il mio corpo gelato.

Le nuvole soffici come la seta, mi pare di starci sopra e dormire tranquillo.

Cielo ti adoro, nuvole vi invidio( vorrei un pezzo per il mio letto😀)sole senza di te non saprei cosa fare. Cielo mi abbagli con il suo splendore.😀❤ FATTA DA ALESSANDRO E IAN

L'  ARRIVO DELLA PRIMAVERA

LE ROSE ROSSE  

LE NUVOLE BIANCHE

LE FATE DANZANO SUI FIORI DAI MILLE  COLORI 

GLI UCCELLI CANTANO AL NUOVO SOLE

IL VENTO RISVEGLIA  LE CHIOME  DEGLI ALBERI

LE CICALE  CANTANO

LA PRIMAVERA STA  ARRIVANDO E LA NATURA LA STA ACCOGLIENDO.

ALMA

LA MIA ISPIRAZIONE

La nebbia è grigia, con gli alberi che la coprono in lontanza,le nuvole sono bianche, il cielo è celeste,l' erba è verde, la mia ispirazione è la natura.😀❤FATTO DA IAN 

Tutti possono essere felici e gioiosi

Dopo la pioggia la terra è umida e piena di vermi  che strisciano contenti e gioiosi. Perchè tutti possono essere felici e gioiosi. Come i vermi sono felici quando piove perchè la terra  è bella umida.                                                                                                                   

Scrita da  Wilma  Mai Ronci❤

Qui  studiamo gli uomini primitivi

Qui c'è la polis

La  storia  di  Giustina e Tristano

Giustina come  tutti i giorni andò  a raccogliere   le  castagne  e le ghiande.  Raccolse  venti   castagne e  venti  ghiande. Quando  tornò a  casa Giustina aprì il  sacco e   trovò solo     una ghianda e una castagna, guardò tutto il sacco e  trovò un buco a foro,  di più,    il giorno dopo andò   tristano, anche  lui ne prese venti di  ognuna. A casa  e aprì il sacco e non trovò più neanche  una castagna o una ghianda. Perchè   il sacco aveva un buco a forma di meno. Ecco perché il meno     toglie  ma non aggiunge  come il più.                                 

 scritta da Wilma Mai  Ronci ❤

     La poesia di Natale                        

C’è sempre qualche furbo consigliere        

 Quello che la sa lunga più di te                     
Che dice che le fiabe non son vere           
E che Babbo Natale... non c’è
Credono di sapere come è il mondo
Per quel pugno di anni che hanno in più
La loro fantasia
L’hanno buttata via

E vogliono convincerti, ma tu...                                                                                                   

Non essere triste
Perché ciò tu ami, esiste
Tutti i maghi del mondo, i draghi e i re
Finché li chiami, verranno lì da te

Tu ora crescerai, dovrai capire
Dividere dai sogni la realtà
È vero, però questo non vuol dire
Che il tuo mondo segreto sparirà
La fantasia può avere mille anni
E la magia, vedrai, cresce con te
Resiste e si trasforma
Cambia solo la forma
Ma non finisce mai, da' retta a me...

Non essere triste
Perché ciò tu ami, esiste
Tutti i maghi del mondo, i draghi e i re            Da tutti i partecipanti della Polis                                                        
Finché li chiami, verranno lì da te

GRAZIE A BRUNO TOGLOLINII❤

LA TERRA SANTA  E IL  FALò

Ho acceso un faló

nelle mie notti di luna

per richiamare gli ospiti

come fanno le prostitute

ai bordi di certe strade,  

ma nessuno si è fermato a guardare

e il mio falò è spento.

HO preso ispirazione da Alda  Merini.

 

Ora faccio la mia.

Ho spento  il falò,  

di notte la luna è chiara

 e il falò si è riaccieso,  

 è ora di andare ma il fuoco  

 non si spenge finchè qualcuno

non accetta nessuno.

Questo è di Olivia Monti  fatto da lei  e quello su è di Alda Merini.

 

Ora ne scrivo un' altra 

sul un suolo di terra c'è

un torsolo di mela

che marcisce poi 

diventa un bel albero 

è cosi la vita pure per noi.

 

Museo della creatività

IL MUSEO DELLA CREATIVITA'
LA STORIA

Tutto nacque in un giorno della seconda settimana di scuola, ed eravamo andati in passeggiata. Io avevo trovato,verso la fine del percorso, un minerale molto bello conficcato nella strada sassosa.Io ero lì da dieci minuti a scavare con un sasso e, mentre il gruppo tornava indietro, io ero ancora lì a scavare. Maestra Giuditta era rimasta con me e mi diceva: “Basta! Basta! Torneremo un altro giorno!” per qualche minuto. Poi con il piede mi coprì il minerale.Io tentavo di toglierlo invano. Lei mi disse:”Domani torneremo apposta per prendere questo e altri minerali per aprire un museo.” Io dissi: “Museo sì, ma tornare domani no!”. Lei mi disse:”Allora facciamo così: io ti aiuto a tirarlo fuori, ma me lo dai e te lo ridò a scuola.” “Va bene” dissi io. Appena a scuola informai tutti i maestri e compagni. Così nacque il Museo della Creatività! FINE

GIOVANNI ANTONIO DI GIULIO


Nota: maestra Giuditta ha avuto solo l'idea del museo ma l'idea dei biglietti per finanziare le medie e di renderlo accessibile al pubblico l'ho avuta io.

Quà è dove appendiamo i giacchetti e gli zaini.

Love piccola polis❤😋 

Noi lavoriamo in un tavolo ARCOBALENO!🤪 NOI AMIAMO LA    PICCOLA POLIS ❤                                                                

QUI SIAMO IN PINETA

Questa è la nostra mini serra , dove abbiamo piantato: cipolle, aglio, zucchine, calendula, nasturzi, lattuga, basilico ecc. ecc...

L' AIUTO ,LA FORZA E L' AMICIZA NELLA VITA SONO ESSENZIALI E LE NOSTRE MAESTRE ALTRETTANTO